mercoledì 16 agosto 2017

Mini Recensione: L'INVENTORE DI SOGNI - Ian McEwan

La mia breve recensione su "L'inventore di sogni" di Ian McEwan.


Titolo: L'inventore di sogni
Autore: Ian McEwan
Traduzione: S. Basso
Editore: Einaudi
Data di pubblicazione: 2014 (ristampa)
Pagine: 117
Prezzo: 9,00 euro

Sinossi: Un bambino sogna a occhi aperti e immagina di far sparire l'intera famiglia, un po' per noia e un po' per dispetto, con un'immaginaria Pomata Svanilina; oppure sogna di poter togliere al gatto di casa la pelliccia, di farne uscire l'anima felina e di prenderne il posto, vivendone per qualche giorno la vita, soltanto in apparenza sonnacchiosa; oppure sogna che le bambole della sorella si animino e lo aggrediscano per scacciarlo dalla sua camera... Fin dalle prime pagine di questo libro ritroviamo il consueto campionario di immagini perturbanti che sono un po' il "marchio di fabbrica" di McEwan. Specialmente nella prima stagione della sua narrativa l'autore britannico ci aveva abituato a profondi e terribili scandagli nel microcosmo della famiglia, e in quei mondi chiusi e violenti i bambini e gli adolescenti giocavano sia il ruolo delle vittime e sia quello dei carnefici.


La mia opinione: Pensavo che fosse un romanzo, invece è una raccolta di racconti. Il protagonista è sempre lo stesso, ma si tratta comunque di racconti, perché gli avvenimenti sono scollegati l'uno dall'altro. Questo mi ha un po' delusa perché come formula narrativa non fa per me, non mi cattura. E' scritto bene, ciò che mi ha positivamente colpita è la capacità dell'autore di descrivere le sensazioni e gli stati d'animo del protagonista in maniera perfettamente realistica e credibile. Però i racconti non mi hanno colpita. Li ho trovati banali e ripetitivi. E soprattutto ho trovato estremamente ripetitivo il fatto che la maggior parte di queste storie abbiano come elemento comune il sogno del protagonista di trasformarsi in qualcun altro.



voto:

Mini Recensione: EVELINA E LE FATE - Simona Baldelli

La mia breve recensione su "Evelina e le fate" di Simona Baldelli.


Titolo: Evelina e le fate
Autrice: Simona Baldelli
Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 2013
Pagine: 256
Prezzo: 12,00 euro

Sinossi: La narrazione si apre con una scena memorabile, l'arrivo degli sfollati: a Evelina pare che dalla neve stiano uscendo le anime dei morti. La bambina vede due fate: la Nera, dai tratti cupi, e la Scepa, la fata allegra, colorata, con una veste a fiori, che ride sempre. Nei dintorni del casolare girano i partigiani: il loro capo, il Toscano, ottiene dal padre di Evelina, che con loro simpatizza, del cibo. Evelina e i suoi fratelli Sergio e Maria trovano il cadavere di un tedesco ammazzato dai partigiani: la Nera li fa scappare in tempo, e li spinge a nascondersi, pochi attimi prima dell'arrivo dei tedeschi. In un succedersi incalzante di colpi di scena, sulle colline attraversate dalla linea gotica alle spalle di Pesaro, in attesa dell'arrivo degli Alleati, trascorre l'ultimo anno della Seconda guerra mondiale filtrato dallo sguardo magico dell'infanzia, e travolge tutta la famiglia di Evelina, padre e madre molto malata, i fratelli, e il segreto di una bambina ebrea nascosta sotto una botola dentro la stalla. Realtà e magia si mescolano e si intrecciano, facendo rivivere il mondo contadino e quello delle fiabe, l'intrico complesso della guerra civile e di quella mondiale. Lo stile asciutto, arricchito di elementi dialettali, rende il racconto più reale: parole magiche, parole amuleti, filastrocche, che aprono la porta al sogno o alla profezia. E alla comprensione possibile di quello che accade.


La mia opinione: Una storia molto particolare e coinvolgente, originale per i contenuti, che offre uno scorcio realistico e al tempo stesso magico, della vita di campagna durante la fine della seconda guerra mondiale. Una sorta di realismo magico all'italiana. Quello che inizialmente mi ha "infastidita" è stata la scelta di scrivere in dialetto marchigiano-romagnolo i dialoghi. Questo è stato un piccolo impedimento, però i dialoghi non sono molti e con un po' di concentrazione si riescono a capire ugualmente (a grandi linee). Lo stile narrativo è il miglior pregio del libro, trascina dentro la storia e fa immaginare vividamente ogni scena. E anche a distanza di settimane e di mesi (ormai sono infatti passati un paio di mesi da quando ho letto il libro) il ricordo della storia rimane ancora saldo nella memoria. Ho trovato un pochino affrettato il finale.

voto:



domenica 16 luglio 2017

Recensione: PASSIONE - Jeanette Winterson

La mia recensione su "Passione" di Jeanette Winterson.


TitoloPassione
AutriceJeanette Winterson
Traduzione: Mara Muzzarelli
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 12 Giugno 2001
Pagine: 196
Prezzo: 9,50 euro

 
Sinossi: Il romanzo è il racconto in prima persona di Henri, cuoco nell'esercito di Napoleone, e della sua passione non corrisposta per la figlia lesbica di un gondoliere veneziano. Il resoconto di un innamorato che scava dentro se stesso per scoprire finalmente il confine segreto fra l'amore e l'ossessione, tra la favola e il sentimento autentico. Sullo sfondo dell'ascesa e del declino di Napoleone, si intreccia un'opera che fonde temi scabrosi e fantasia, esplorando i sottili meccanismi psicologici che innescano la smodata adorazione per un leader e per una donna.


La mia opinione: Sono rimasta decisamente spiazzata dalla lettura di questo libro. È una storia molto strana, qualità che potrebbe essere sia positiva che negativa. In questo caso è un "insomma...".
Il libro è diviso in quattro parti, quattro capitoli fondamentali. Però il primo e il secondo capitolo non hanno nulla in comune, sembrerebbero racconti a sé, e subito ho pensato che fosse così. Il primo racconto (quando l'ho letto pensavo che fosse tale...) non mi è piaciuto, l'ho trovato sì strano ma poco interessante, con un protagonista che non spicca per nessuna qualità particolare, mi è sembrata una storia piatta anche se stravagante. Il secondo capitolo invece è completamente diverso, interessante, magico, ambientato in una Venezia labirintica e misteriosa, con descrizioni affascinanti, dove leggenda e realtà si fondono in un tutt'uno. Mi è piaciuto molto. Poi proseguendo la lettura dei seguenti capitoli ho finalmente appreso che i protagonisti del primo e del secondo capitolo si incontrano e da qui le storie non sono più due diverse ma diventano una unica. Però non ho ritrovato la piacevolezza del secondo capitolo, che rimane a mio avviso la parte migliore di tutto il libro. Certamente non posso negare che il libro spicchi e resti impresso per questa sua peculiarità stilistica nella forma, ma non solo. Anche lo stile di scrittura è sempre sopra le righe, un po' poetico, un po' misterioso e surreale, di sicuro nulla di ordinario. Quello che però in definitiva non mi ha convinta è stata proprio la storia in sé. Apprezzo l'originalità, ma al primo posto nella mia graduatoria di apprezzamento di un libro la storia deve avere uno speciale risalto, non essere solo un contorno di uno stile genialmente sui generis. Non mi basta. Se si tolgono tutti gli orpelli stilistici infatti ciò che rimane è soltanto una storia surreale dal finale agrodolce.
Rimango comunque moltissimo incuriosita dall'inventiva dell'autrice e mi prefiggo di leggere altri suoi libri in futuro.




voto:

venerdì 19 maggio 2017

Recensione: UN INCANTEVOLE APRILE - Elizabeth Von Arnim

La mia recensione su "Un incantevole Aprile" di Elizabeth Von Arnim.


Titolo: Un incantevole Aprile
Autrice: Elizabeth Von Arnim
Traduzione: L. Balacco
Editore: Bollati Boringhieri
Data di pubblicazione: Settembre 1993
Pagine: 240
Prezzo: 17,00

Sinossi: In un club della Londra anni Venti due signore inglesi scoprono di essere accomunate da una vita amorosa insoddisfacente, molto diversa da quella che avevano sognato il giorno del matrimonio. Mrs Wilkins, timida e repressa, è sposata con un avvocato ambizioso che «lodava la parsimonia tranne quando si trattava del cibo che finiva nel suo piatto»; Mrs Arbuthnot, estremamente religiosa, è sposata a uno scrittore di biografie sulle amanti dei re: per una donna come lei, una cosa davvero sconveniente. Insieme decidono di rispondere a un annuncio per l'affitto di un castello a San Salvatore, piccola cittadina della Liguria, per tutto il mese di aprile. A loro si uniscono Mrs Fisher, un'anziana signora che incarna appieno la morale vittoriana nel portamento, nelle amicizie e nella rigida etichetta che esige sia rispettata, e Lady Caroline, giovane ereditiera di una bellezza sopraffina in cerca di requie dalla vita mondana e dagli innumerevoli spasimanti. Le quattro donne, che si conoscono a malapena, si lasciano così alle spalle la grigia e piovosa Inghilterra per godersi un mese di vacanza in Italia. Immergendosi nel calore della primavera italiana e nella bellezza placida del luogo, avvolte nei profumi dei glicini e dei narcisi che aiutano a mettersi a nudo, le signore imparano ad apprezzarsi, mentre ognuna, a turno, sboccia e ringiovanisce, riscoprendo l'amore e l'amicizia, ritrovando la speranza.


La mia opinione: Una commedia inglese davvero molto carina e piacevole. I contenuti sono leggeri e il finale, come tutte le commedie, immancabilmente happy, ma non mancano sorprese durante la lettura.
Mi è piaciuto lo stile di scrittura dell'autrice perché riesce a ricreare le scene con descrizioni molto vivide, sia degli ambienti, che degli stati d'animo, che di ciò che accade. Inoltre, nonostante le tematiche siano leggere, non mancano situazioni serie e riflessive, dove le quattro protagoniste, fuggite consapevolmente (o inconsapevolmente per qualcuna) dal grigiore delle loro vite sono alla ricerca di una svolta, di ritrovare la serenità. Quindi si può benissimo dire che oltre a una commedia sia anche un romanzo esistenziale. Ma non mancano le situazioni sottilmente umoristiche e i divertenti equivoci che sdrammatizzano il tutto. A me è piaciuta in particolare la parte centrale del libro, quando le donne ritrovandosi da poco nella nuova casa vacanza, ancora ancorate alle abitudini inglesi, vogliono cercare di prevaricare le altre e di accaparrarsi gli spazi migliori, finendo poi per far nascere incomprensioni e buffe rivalse. Quel punto del libro l'ho proprio adorato!
Un'ottima lettura d'evasione se si cerca qualcosa di spensierato e intelligente.



voto:


venerdì 5 maggio 2017

Recensione: IL SEGGIO VACANTE - J.K. Rowling

Recensione di "Il seggio vacante" di J.K Rowling



Titolo: Il seggio vacante
Autrice: J.K. Rowling
Traduzione: Silvia Piraccini
Casa editrice: Salani
Pagine: 553
Data di pubblicazione: 6 Dicembre 2012
Prezzo: 22,00

Sinossi: A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un’idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un’antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all’interno dell’amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l’unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo.
J.K. Rowling firma un romanzo forte e disarmante sulla società contemporanea, una commedia aspra e commovente sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano in modo magistrale e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Farà arrabbiare, farà piangere, farà ridere, ma non si potrà distoglierne lo sguardo, perché Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina, così conosciuta, da non lasciare nessuno indifferente.



La mia opinione: Fin dalle primissime pagine ho capito che questa sarebbe stata una lettura impegnativa e diversa dalle altre, perché la narrazione inizia quasi dal nulla, ti fa entrare nel vivo della vicenda e da lì si dipanano le storie di molti personaggi, tutti correlati tra loro, tutti importanti ai fini della storia, ma entrano in scena in maniera talmente spontanea che ti fa venire il dubbio di avere iniziato a leggere il libro a storia avanzata, e invece no. La complessità di questo libro per me è stato anche il suo punto di forza, la sua carta vincente.
Altro punto di forza sono le caratterizzazioni dei personaggi, con un'introspezione psicologica a dir poco perfetta, approfondita nei minimi dettagli. E tutti i personaggi hanno degli aspetti di loro stessi assolutamente deprecabili, non esiste un personaggio buono e con nobili pensieri come nelle fiabe, sono tutti in parte cattivi, ma non del tutto, e descritti senza lesinare particolari spiacevoli e in alcuni casi addirittura imbarazzanti. La lettura di questo libro diventa come un viaggio voyeuristico nella vita di una intere famiglie di un paesello inglese. Tutte le azioni dei personaggi, a partire da quelle all'apparenza più innocue, più banali, per poi passare a quelle più meschine, scatenano un intreccio di eventi difficile da controllare, eventi che avranno un terribile quanto inaspettato effetto valanga finale.
Ma un'altra caratteristica di questo romanzo, che a quanto pare (leggendo i commenti dei lettori) risulta poco gradita, è che sembra non avere una storia. O meglio, sembra non esserci una storia vera e propria con la classica formula "introduzione - svolgimento - conclusione" a cui tutti siamo abituati. E sembra anche non esserci morale. Per me non è stato un problema, anzi, evviva i romanzi che escono dagli schemi! Vorrei che ce ne fossero di più! Il romanzo è perfettamente riuscito già così grazie alle sue peculiarità!
E poi... per quanto riguarda la storia... non è vero che non c'è... c'è eccome! Solo che inizialmente non la si nota perché si è troppo impegnati a seguire le vicende dei singoli personaggi, vicende che si intersecano incessantemente tra loro, dando vita alla storia stessa! La storia è quindi tutta lì, ed è a dir poco straordinario il modo in cui l'autrice riesce a intrecciare tutti i fili dei vari personaggi per poi innescare colpi di scena inaspettati l'uno dopo l'altro, lasciando il lettore assolutamente a bocca aperta.
Questo romanzo racchiude inoltre una varietà di argomenti interessanti soprattutto sui comportamenti umani e sulle relazioni famigliari, ma anche sulla sete di successo, sul degrado, sulla ghettizzazione sociale, sulla droga e sulla violenza.
E lo stile di scrittura è divino, sempre in terza persona nonostante la moltitudine di personaggi che descrive, mi è piaciuto così tanto che sarei andata avanti nella lettura all'infinito, storia o non storia.
E la morale? Non c'è bisogno di morale quando c'è la Rowling!




voto:


giovedì 4 maggio 2017

Recensione: IL RUMORE DEI TUOI PASSI - Valentina D'Urbano

La mia recensione su "Il Rumore dei tuoi passi" di Valentina D'Urbano.


TitoloIl rumore dei tuoi passi
AutriceValentina D'Urbano
Editore: TEA
Data di pubblicazione: 1 Giugno 2013
Pagine: 319
Prezzo: 10,00 euro

 
Sinossi: In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato «la Fortezza», Beatrice e Alfredo sono per tutti «i gemelli». I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un’amicizia ruvida come l’intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un’amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent’anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare.


La mia opinione: Mi aspettavo che questo libro fosse drammatico, ed è così, ma la drammaticità di questa storia non mi ha per niente colta di sorpresa, non mi ha stupita, perché fin dalla prima pagina viene svelato come finisce e il resto della storia non è altro che una un assemblamento di ricordi, che partendo da molti anni a ritroso rispetto ciò che accade a inizio libro racconta la vita della protagonista dall'infanzia, passando per l'adolescenza, fino ad arrivare all'inizio dell'età adulta. Ok, quello di partire dal presente per poi tornare indietro può essere un buon modo per raccontare una storia, ma in questo libro in particolare giocava tanto l'elemento sorpresa, che purtroppo dopo le primissime righe non c'è già più.
Mi ha lasciato qualche dubbio e perplessità l'ambientazione anni 70-80. A mio avviso sarebbe stata meglio un'ambientazione contemporanea di fine anni 2000 o giù di lì, prima di tutto perché l'autrice non ha vissuto personalmente l'adolescenza in quegli anni e il suo tentativo di farli vivere ai lettori è stato un po' debole. Il degrado che descrive, gli anni che scorrono via immobili sulle pelli dei protagonisti, il "no future" delle loro vite, sarebbe stato ancora meglio rappresentato dal presente dell'ultimo decennio, sarebbe stata una scelta anche più coraggiosa e avrebbe ottenuto un maggior interesse da tutti coloro che stanno vivendo il buio di questi anni adesso. Lo stile di scrittura però mi è piaciuto molto: è diretto, semplice, a tratti rude, spontaneo come se fosse stata la protagonista stessa a scriverlo, e questo rende il libro molto realistico. Essendo che la storia è raccontata in prima persona ed è incentrata sul degrado e sulla povertà non avrebbe avuto senso scrivere in maniera elaborata e puntigliosa, quindi da questo punto di vista l'autrice ha fatto un ottimo lavoro e una scrittura così incalzante induce inoltre a fagocitare il libro in pochissimo tempo, perché comunque la storia è interessante e scivola via senza difficoltà. Di contro qualche difficoltà l'ho invece avuta ad immedesimarmi nella storia d'amore/odio/amicizia/fratellanza tra i due protagonisti (Bea e Alfredo), perché è descritta solo in superficie, senza farti entrare nel vivo, sembra sempre che in tutti quegli anni passati insieme non succeda quasi nulla tra i due, a parte dormire assieme e mangiare assieme e vivere assieme, come una normale routine già rodata e un po' noiosa non si è riuscito a cogliere il vero sentimento che li legava. Ed è stato un peccato.
Quest'ultima cosa, insieme al fatto che il finale viene rivelato dall'inizio, non ha giocato a favore del mio coinvolgimento emotivo nella drammaticità della relazione tra i protagonisti. Sono rimasta sì coinvolta in generale nelle vicende narrate, ma non abbastanza da sentirne davvero l'angoscia o a sentirmi molto dispiaciuta. Ma per essere il primo libro scritto dall'autrice sono comunque abbastanza soddisfatta. Lo stile di scrittura incalzante ed energico è già un ottimo punto di partenza e mi ha lasciato il desiderio di leggere altri suoi libri.




voto:


sabato 8 aprile 2017

Recensione: RACCONTAMI DI UN GIORNO PERFETTO - Jennifer Niven

La mia recensione su "Raccontami di un giorno perfetto" di Jennifer Niven.



Titolo: Raccontami di un giorno perfetto
Autrice: Jennifer Niven
Traduzione: S. Mambrini
Editore: De Agostini
Data di pubblicazione: 31 Marzo 2015
Pagine: 400
Prezzo: 14,90

Sinossi: È una gelida mattina d’inverno quella in cui Theodore Finch decide di salire sul tetto della scuola solo per capire che cosa si prova aguardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovarequalcun altro lassù, in bilico sul cornicione. Men che meno VioletMarkey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch eViolet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono dueanimi fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morirela sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istanteche i due ragazzi iniziano a provare la vertigine che li legherà neimesi successivi. Una vertigine che per lei potrebbe essere un nuovo inizio, e per lui l’inizio della fine… Un romanzo straordinariamente toccante. Una storia che spezza il cuore in tutti i modi possibili.


La mia opinione: Partiamo dalla valutazione: 4 stelle. Forse troppo? Solitamente sono abbastanza severa nei giudizi e raramente mi sbilancio. 4 stelle non sono certo il massimo dell'apprezzamento, ma date le critiche lette in giro su questo libro potrebbe sembrare anche un voto fin troppo generoso da parte mia...
La verità è che questo romanzo mi ha colpita per diversi fattori. È stata una lettura che ha destato il mio interesse fin da subito e l'interesse è rimasto pressoché costante per tutta la durata. Cosa da non sottovalutare. Poi l'ho trovato originale, sia per la tematica trattata, sia per il modo di raccontarla e abbastanza distante dai soliti cliché letti e straletti nei romanzi destinati a lettori adolescenti. Si potrebbe quasi definire una "boccata d'aria fresca", se non fosse che però questo modo di dire stride completamente con la tematica drammatica e grave del libro, quindi forse "boccata d'aria fresca" è un termine un po' infelice. E vabbè...! In definitiva questo libro mi è piaciuto, cosa ci posso fare? Sarà che ho la propensione per le storie drammatiche con un finale non scontato e quindi già questo è stato sufficiente a far pendere l'ago della bilancia a suo favore. Non posso dire di essermi sentita in sintonia con uno dei due protagonisti, questo no, però, nonostante non condividessi anche io nel mio profondo i loro pensieri sono riuscita comunque ad appassionarmi alle loro vicende. E ditemi se questo non è un talento di scrittura da parte dell'autrice. Troppo facile creare personaggi in cui tutti riescono a solidarizzare, in cui tutti vorrebbero ritrovarsi, che tutti invidiano. Invece Finch e Violet (i protagonisti del libro) sono proprio due personaggi che non mi piacerebbe mai vivere la loro storia, eppure è proprio questo che mi ha resa maggiormente entusiasta della lettura. Il libro non è esente da difetti, anzi, ne ha eccome. A partire dalla surrealtà della vita in famiglia di Finch (una madre che neanche è mai entrata in camera sua? Professori che non la chiamano mai a colloquio di persona?) e vi è anche un bel po' di incongruenze a livello di comunicazione (nel 2015, data in cui è ambientato il libro, non si riesce a stabilire un contatto telefonico e si è costretti a lasciare messaggi sulla segreteria telefonica di casa che tanto nessuno ascolterà mai?). Ovvio, alcune di queste inaccortezze mi hanno fatto storcere il naso più di una volta, però il fatto che nei tempi moderni nessuno riesca ad accorgersi della gravità di una situazione perché troppo presi da mille altre cose non mi sembra poi tanto impossibile, soprattutto se la persona interessata non vuole farsi aiutare. Purtroppo lo spirito d'osservazione è ai minimi storici e i segnali tanto evidenti che vengono descritti nel libro, giusto il lettore, attento e impegnato nel leggere il libro, li può cogliere immediatamente, ma nella realtà non c'è un lettore che sta leggendo dall'alto ogni tua mossa. "Raccontami di un giorno perfetto" non è quindi, a discapito del titolo, un romanzo perfetto. Ma l'ho trovato davvero un buon romanzo, dal ritmo ipnotico e non banale.



voto:

Mini recensione: BUON COMPLEANNO, ALLY! - Sheila Norton

La mia breve recensione su "Buon compleanno, Ally!" di Sheila Norton.


Titolo: Buon compleanno, Ally!
Autrice: Sheila Norton
Traduzione: Maria Caterina Mortillaro
Editore: Baldini Castoldi Daliai
Data di pubblicazione: Maggio 2007 (ed. economica)
Pagine: 319
Prezzo: 5,40 euro

Sinossi: Ally Bridgerman è alla frutta. La sua carriera sta andando a rotoli, ha una madre rompiscatole e due figlie con vite amorose sicuramente più eccitanti della sua. Perfino il suo ex marito ha trovato una trentenne "insopportabilmente perfetta", mentre tutto quello che a lei resta è una macchina inaffidabile e Budino, l'anziano gatto di casa. Quando scopre che le sue figlie stanno organizzando una festa a sorpresa per un compleanno che preferirebbe non festeggiare affatto, decide di reagire. Racconta così una innocente bugia e si diminuisce l'età di un anno. Sentendosi miracolata perché oggetto delle attenzioni di un uomo più giovane, le sembra naturale togliersi ancora qualche anno...


La mia opinione: Una storia davvero molto carina, che inizia in maniera deliziosa, spumeggiante. I primi capitoli, come anche la prima metà del libro, è simpaticissima e divertente, l'umorismo dell'autrice nel raccontare le disavventure della protagonista corrisponde al mio ideale di libro di svago. Mi è piaciuto molto anche il fatto che vengono trattate tematiche serie ma vengono sdrammatizzate in maniera intelligente, senza sminuirle, ma dando il tocco giusto di comicità. Purtroppo, come tutti (o quasi tutti) i libri appartenenti a questa categoria di romanzi umoristici e leggeri, perde mordente nella seconda metà del libro, esaurendo un po' la fantasia umoristica e rientrando nei binari consueti di libro dal finale irrealistico e forzatamente felice. Chissà perché poi c'è bisogno di esagerare così tanto. Avrei dato sicuramente un voto più alto, se non fosse stato per il finale che ha rovinato un po' l'originalità della storia. Rimane comunque un buon libro, superiore alla media rispetto ad altri chick-lit.



voto: